La "Sperimentazione di Big Foot"

In seguito alla Mappatura Partecipata dell'area, alle consultazioni intensive con gli stakholders locali, ed ai suggerimenti del partenariato di Big Foot, le tre comunità hanno deciso quali interventi Intergenerazionali attuare, diversi da uno dall'altro, basandosi sulle risorse della natura ed i bisogni di ciascuna area.

Gubbio, Italia

In seguito alla Mappatura Partecipata a Gubbio la tradizione culinaria è stata scelta come il tema più appropriato in grado di trasmettere la tradizione legata al patrimonio culturale dell'area, e di promuovere la salvaguardia delle risorse naturali, il consumo critico e l'importanza di acquistare prodotti locali.

Come parte di questo esperimento, sono stati organizzati corsi di Cucina intergenerazionali, guidati dai membri del Centro Anziani di Gubbio. Gli adulti sono stati i 'formatori' dei giovani, ai quali hanno insegnato i segreti per diventare un grande chef, ma hanno anche provveduto informazioni legate all'identità culturale e le tradizioni. In cambio, i giovani chef hanno mostrato ai loro mentori come utilizzare le TIC ed i social networking, e le macchine fotografiche digitali.

Inoltre, le attività intergenerazionali "Cibo e Parole' e " Cultura e Patrimonio immateriale nella quotidianità" hanno previsto lezioni mensili nelle otto classi delle scuole primaria e secondaria. Gli adulti anziani hanno raccontato le loro storie di vita, connesse ad ogni momento di tradizione culinaria legata ad una ricetta tradizionale, promuovendo la riflessione tra gli studenti sulle tradizioni locali e l'importanza di salvaguardarle, per lo sviluppo di una comunità migliore.

Inoltre, i nonni di "Big Foot" sono stati gli chef nel corso della 31 Mostra del Tartufo a Gubbio: l'evento più famoso in Italia che celebra il pregiato tartufo bianco, insieme alle tradizioni culinarie e le bellezze naturalistiche della zona. I giovani provenienti da tutta Italia hanno avuto la possibilità di cucinare le ricette tradizionali, come gli gnocchi, le tagliatelle, la crescia. Questa possibilità offerta agli anziani, dimostra l'elevato livello di attenzione per lo scambio intergenerazionale e dell'apprendimento intergenerazionale da parte delle autorità locali. 

Un'altra parte di questa sperimentazione ha previsto sessioni di corsi di cucina con le donne immigrate di Gubbio, che grazie al supporto dell'Associazione locale, contribuiscono non solo a valorizzare i singoli individui ma la comunità stessa, aggiungendo varietà alla cucina tradizionale italiana.

Berkovitsa, Bulgaria

Gli interventi di Big Foot in Bulgaria si sono incentrati sul settore del turismo.

Durante la Mappatura Partecipata, è diventato chiaro che le giovani generazioni non conoscevano le montagne attorno a Berkovitsa, delle quali non conoscevano nemmeno il nome, né il legame storico e culturale con ciascuno di questo. Allo stesso tempo, la generazione dei più anziani ha dimostrato di non essere familiare con la tecnologia, come l'utilizzo del computer, l' utilizzo di internet e l'email.

La visione nel lungo periodo, non è solo quella di sviluppare un clima di conoscenza e connessione con l'area locale, ma di pensare ad essa come una destinazione turistica, della quale immaginare come valorizzarne le ricchezze naturali e culturali, rendendole attrattive e promuovendole in modo tale da contribuire allo sviluppo economico di Berkovitsa.

Big Foot ha organizzato escursioni e visite a tema, dove i più anziani ed gli studenti hanno visitato i più popolari luoghi del Nord-Ovest della Bulgaria, come Zdravchenica, Haidushki Vodopadi, Kim, Stаrkovitza, Todorini Kukli and Lopushna. I più anziani hanno guidato i più giovani, condividendo fatti storici, leggende e folklore e la loro conoscenza sulla fauna e flora locale. Agli studenti è stato insegnato come leggere una cartina topografica ed hanno appreso come  sopravvivere in montagna. 

Ciascuna escursione è durata 1-2 giorni, durante la quale i giovani non soltanto hanno conosciuto le località apprezzandone la bellezza naturalistica ed il patrimonio culturale, ma hanno avuto modo di lavorare anche come insegnanti, fornendo suggerimenti su come utilizzare le macchine fotografiche digitali, le funzioni del cellulare, su utilizzare il GPS. In effetti, le lezioni sono continuate anche dopo le escursioni, in quanto i più giovani, supInformatica, hanno contribuito a formare gli anziani sull'utlizzo del computer, di Internet ed altri social network.

Trikala, Grecia

La sperimentazione in Grecia si è concentrata sulla produzione di dolci tradizionali. Tuttavia, grazie ai suggerimenti in fase di consultazione della comunità, è diventato chiaro che le bellezze culturali e naturalistiche della zona avrebbero potuto costituire una più ampia gamma di interessanti scoperte da parte dei giovani. Per sfruttare al meglio tutte queste potenzialità, la sperimentazione di Big Foot è stata organizzata intorno a 4 tematiche:

  1. Prodotti locali e gastronomia;
  2. Cultura: Folklore ed artigianato ;
  3. Monumenti storici – patrimonio rurale;
  4. Ambiente e turismo rurale.

Le sessioni tematiche si sono sviluppate una volta al mese. Gli insegnanti un mese prima delle escursioni hanno ricevuto il materiale informativo, cosi da preparare bene i ragazzi prima, incluso la produzione di ricerche tematiche riguardo le visite. Anche gli insegnanti stessi hanno preso parte alle visite degli studenti.

In ogni sessione tematica, gli anziani sono stati i principali formatori: dimostrando le loro abilità ed i mestieri tradizionali della famiglia, insegnando agli studenti, condividendo i loro ricordi, idee e conoscenze, e tutte quelle "storie" che erano altrimenti in pericolo di essere perse.

Attraverso queste diverse sessioni, i giovani abitanti di Trikala hanno avuto la possibilità di incontrare le persone, che garantiscono le tradizioni culturali e gastronomiche locali, alla scoperta di fatti sconosciuti prima riguardo la loro storia locale ed il patrimonio, conosciuti grazie alle visite di monumenti storici inediti, imparando a cucinare marmellate tradizionali, raccogliendo le informazioni di ricette tradizionali, la musica folklore e storie personali da loro stesse famiglie, e pianificando il proprio futuro a Trikala, magari attraverso l'imprenditorialità tradizionale, l' agricoltura, le bellezze naturalistiche ed il turismo.